Istat: Prospettive di crescita debole per eurozona

Milano, 1 ott. (LaPresse) - Le turbolenze geopolitiche, associate alla riduzione dei flussi di commercio mondiale, hanno influenzato negativamente le prospettive internazionali. In questo contesto, la crescita economica dell'area dell'euro è attesa in rallentamento. Lo segnalano Ifo, Istat e Kof nella nuova edizione dell'Eurozone Economic Outlook, intitolata 'Prospettive di crescita debole per l'area euro'. Nel terzo trimestre, si legge nel documento, la produzione industriale è attesa diminuire (-0,6%) per poi aumentare in misura contenuta nei trimestri successivi (+0,2% nel quarto trimestre e +0,3% nel primo trimestre 2020), mentre l'inflazione dovrebbe attestarsi all'1% nel terzo trimestre per salire a 1,1% nel quarto e a 1,4% nei primi tre mesi dell'anno prossimo.

I maggiori rischi per le prospettive sono legati alle turbolenze geopolitiche: l'accresciuta incertezza derivante dai conflitti commerciali a livello globale, gli sviluppi politici legati a un aumento delle probabilità di una hard-Brexit e i recenti attacchi terroristici alla produzione petrolifera. Il proseguimento della fase di rallentamento del commercio internazionale potrebbe produrre ulteriori effetti negativi sulle esportazioni e sull'attività manifatturiera dei principali paesi europei, in particolare la Germania.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata