Istat: Pil Italia 2011 rivisto (+3,7%), nero e illeciti per 200 mld

Roma, 9 set. (LaPresse) - Valgono 203 miliardi di euro il sommerso e l'economia illegale in Italia e corrispondono al 12,4% del Pil del 2011. E' la nuova stima diffusa dall'Istat, che ha rivisto il valore adeguandosi alle nuove regole europee Sec 2010. La nuova stima per la sola economia sommersa è pari all'11,5% del Pil del 2011, ovvero 188,5 miliardi di euro circa, a cui va ad aggiungere la componente illegale, che include prostituzione, droga e contrabbando. Si tratta di ulteriori 15,5 miliardi (1% del Pil), di cui 10,5 miliardi di euro proveniengono dalla commercializzazione di droga, 3,5 miliardi dall'attività di prostituzione e 0,3 miliardi dal contrabbando di sigarette. Il Pil del 2011 è stato ritoccato al rialzo del 3,7% a 1.638,9 miliardi di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata