Istat: In Italia 22 milioni persone ancora non utilizzano internet

Roma, 18 dic. (LaPresse) - Sono 21 milioni 994 mila le persone in Italia che, ancora nel 2014, non utilizzano Internet, pari al 38,3% della popolazione residente. Lo rileva l'Istat, sottolineando che le quote maggiori di 'non utenti' si concentrano nelle fasce di età più anziane e di uscita dal mondo del lavoro: tra i 65-74 anni sono il 74,8% e il 93,4% tra gli over settantacinquenni. Alte anche le quote di non utenti tra i giovanissimi (1 milione 518 mila tra i 6-10 anni) che, seppure definiti 'nativi digitali', per più del 50% non utilizzano la rete. Inoltre, se nei Paesi nord europei quasi la totalità dei giovani di 16-24 anni naviga in rete regolarmente, in Italia tale percentuale è dell'84%, collocandola tra gli ultimi posti della graduatoria europea.

Al netto del fattore età, evidenzia l'istituto statistico, la presenza in famiglia di genitori che utilizzano Internet favorisce lo stesso comportamento nei figli. Nelle famiglie in cui entrambi i genitori navigano su Internet, la percentuale di figli tra gli 11 e 14 anni che non frequentano il web scende al 6,7%, mentre nel caso in cui entrambi i genitori non navigano, la quota sale addirittura al 40,1%. La geografia del grado di non utilizzo vede una maggiore prevalenza di non utenti nel Sud e nelle Isole (rispettivamente 45,5% e 43%), mentre nel Centro-nord circa un terzo della popolazione non naviga in rete. Le cause indicata del non uso del web sono principalmente la mancanza di gradimento e d'interesse verso questo strumento (28,7%), la totale non conoscenza di Internet (27,9%) e l'assenza di capacità nell'utilizzarlo (27,3%). Il 23,5% ha dichiarato di non utilizzarlo perché non gli serve e non ne trova utilità e il 14,3% ha affermato di non disporre degli strumenti necessari per connettersi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata