Istat: Consumi fermi nel III trimestre, investimenti in caduta

Roma, 1 dic. (LaPresse) - Dal lato della domanda, i consumi finali nazionali sono rimasti invariati nel terzo trimestre, con la spesa delle famiglie residenti che è aumentata dello 0,1% e quella della P.a. che è scesa dello 0,3%. Lo rileva l'Istat, che sottolinea inoltre che gli investimenti fissi lordi sono diminuiti dell'1,0%. La contrazione degli investimenti, evidenzia l'istituto statistico, è stata determinata da una flessione della spesa per macchine, attrezzature e altri prodotti (-0,5%), per mezzi di trasporto (-4,9%) e degli investimenti in costruzioni (-0,9%).

La flessione della domanda ha sottratto all'andamento del Pil italiano, nel terzo trimestre, sottratto 0,2 punti percentuali. In particolare, gli apporti sono stati: +0,1 punti dai consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private (Isp), -0,1 dalla spesa della P.a. e -0,2 dagli investimenti fissi lordi. Anche la variazione delle scorte ha contribuito negativamente alla variazione del Pil (-0,1 punti percentuali), mentre il contributo della domanda estera netta è stato positivo per 0,1 punti percentuali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata