Istat: Cala potere acquisto delle famiglie

Roma, 6 lug. (LaPresse) - Tenuto conto dell'inflazione, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è diminuito nel primo trimestre del 2012 dell'1% rispetto al trimestre precedente e del 2% rispetto al primo trimestre del 2011. E' quanto rileva l'Istat. Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti, aggiunge l'istituto nazionale di statistica, è diminuito dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, mentre è aumentato dello 0,9% rispetto al corrispondente periodo del 2011. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, misurata al netto della stagionalità, è stata pari al 9,2%, risultando invariata rispetto al trimestre precedente e in aumento (+0,4 punti percentuali) nei confronti del primo trimestre del 2011.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata