Istat: a giugno importazioni extra Ue +1,9%

Roma, 23 lug. (LaPresse) - A giugno 2014, rispetto al mese precedente, le importazioni da fuori dei confini europei sono cresciute dell'1,9%. E' quanto emerge dalla 'Stima preliminare del commercio estero extra Ue' diffusa oggi dall'Istat. La crescita congiunturale dell'import interessa tutti i principali comparti a eccezione dell'energia (-5,7%). Al netto della componente energetica le importazioni crescono del 6,1%. In particolare, tra i prodotti non energetici, quelli intermedi registrano una crescita congiunturale del 9,6%, i beni strumentali +7,2) e i beni di consumo durevoli +4,6%, con un'espansione più marcata della media, mentre gli acquisti di beni di consumo non durevoli crescono in misura più contenuta +1,4%.

Nell'ultimo trimestre si registra una crescita congiunturale delle importazioni (+2,0%), principalmente ascrivibile all'espansione degli acquisti di energia (+4,6%) e di beni strumentali (+3,6%). Su base annua, a giugno 2014 le importazioni sono in diminuzione dell'1,2%, con concentrazione sull'energia (-21,0%). Al netto della componente energetica le importazioni crescono dell'11,2%. I prodotti intermedi (+14,1%), i beni di consumo non durevoli (+7,9%) e i beni strumentali (+9,9%) presentano il maggior contributo alla crescita degli acquisti di prodotti non energetici.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata