Intesa Sp: Cucchiani dipendente fino aprile 2014, buonuscita 3,6 mln

Torino, 1 ott. (LaPresse) - L'ex consigliere delegato Enrico Tommaso Cucchiani resterà un dipendente di Intesa Sanpaolo fino al primo aprile 2014, quando diverrà efficace il recesso dal rapporto di lavoro deliberato dal consiglio di gestione lo scorso 29 settembre. Lo riferisce in una nota Intesa Sanpaolo diffusa su sollecitazione della Consob. La banca verserà a Cucchiani come buonuscita 3,6 milioni di euro, come previsto al momento dell'assunzione nel 2011, e per l'ex ceo "non è stato previsto alcun patto di non concorrenza". Fino al prossimo primo aprile, sottolinea il comunicato di Ca' de Sass, Cucchiani "svolgerà le attività che gli saranno affidate dal ceo, al quale riferirà, e percepirà pro rata temporis la retribuzione prevista dal suo contratto di assunzione, con il correlato trattamento previdenziale" di cui alla Relazione sulle Remunerazioni e il Governo Societario pubblicate nel 2012 e nel 2013. Cucchiani aveva rassegnato domenica le proprie dimissioni con decorrenza immediata dalla carica di componente il consiglio di gestione, consigliere delegato e ceo. "Per effetto di tali dimissioni - spiega ancora Intesa Sanpaolo - cessa il riconoscimento dei relativi compensi". Il cds aveva preso atto delle dimissioni la sera stessa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata