Inps, Mastrapasqua: Finché sono presidente nessun esubero

Roma, 18 ott. (LaPresse) - "Finché sarò il presidente dell'Inps mi batterò con tutte le mie forze e in ogni sede perché non ci siano tagli al personale né riduzioni alle loro retribuzioni". Lo ha affermato il presidente dell'Istituto, Antonio Mastrapasqua, in merito ai presunti esuberi e cancellazione del premio di risultato. "L'Inps - spiega Mastrapasqua riferendosi al processo di 'fusione' di Inpdap ed Enpals in Inps - nel prossimo triennio taglierà già i suoi costi di gestione per oltre 300 milioni per effetto delle normative già vigenti, comprese quelle previste per la più grande opera di integrazione nel sistema pubblico assicurando così il doveroso contributo a un alleggerimento significativo della spesa pubblica. Ma è dovere di chi ha la responsabilità non solo legale dell'Inps, ma di indirizzo politico-amministrativo, indicare la soglia sotto la quale è impossibile comprimere la spesa. Il danno non sarebbe per l'Inps, ma per il Paese che le lavoratrici e i lavoratori dell'Istituto, insieme al loro presidente, intendono continuare a servire con orgoglio, efficienza e fedeltà".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata