Imu, Confesercenti: Da imprese 11,7 mld nel 2012, +90,4% su Ici

Roma, 15 feb. (LaPresse) - L'Imu pagata dalle imprese nel 2012 ammonta a 11,7 miliardi di euro, quasi la metà del totale, con un prelievo aggiuntivo netto superiore del 90,4% a quello che sarebbe stato versato con l'Ici. E' il risultato dell'analisi di Confesercenti, che ha condotto un'indagine per fare chiarezza sulla quota dell'imposta sugli immobili a carico delle imprese. Il Dipartimento delle Finanze, ricorda l'associazione, ha reso noti i dati definitivi relativi ai versamenti Imu per il 2012: il gettito complessivo supera di 1,2 miliardi la cifra preventivata, attestandosi a 23,7 miliardi di euro. Secondo l'analisi di questi, una larga parte è a carico delle imprese: 6,5 miliardi provengono infatti dagli immobili strumentali di proprietà di imprese costituite come società; mentre altri 5,2 miliardi sono stati versati per immobili strumentali di proprietà di ditte individuali, che nel nostro Paese sono 2,5 milioni, il 56% del totale delle imprese (dati Infocamere 2012).

"Queste ditte - sottolinea Confesercenti - sono soggette a Irpef, e considerate quindi alla stregua di persone fisiche: pertanto abbiamo stimato la quota di gettito Imu proveniente da negozi, botteghe, uffici e immobili ad uso produttivo di proprietà di persone fisiche. Il totale dell'Imu pagato dalle imprese è dunque di 11,7 miliardi di euro: un prelievo lordo aggiuntivo di 6,1 miliardi rispetto ai 5,6 miliardi di euro che sarebbero stati versati con la vecchia Ici". Secondo l'analisi al netto della quota di Irpef e di addizionali all'Irpef soppressa per la categoria 'altri immobili' e delle imposte sostituite dell'Imu, il prelievo aggiuntivo è di circa 5,1 miliardi di euro, 1.798 euro per ciascun immobile aziendale. un'imposizione aggiuntiva netta del 90,4% superiore a quanto sarebbe stato versato con la vecchia Ici. "Considerando il prelievo registrato dalle imprese di minori dimensioni - conclude Confesercenti - il contributo dell'intero comparto produttivo al gettito Imu è del 49,4%".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata