Imprese, Cicchitto: Aperti con industria ma critici con Confindustria

Milano, 19 nov. (LaPresse) - Una parte del mondo imprenditoriale, sostenuta da Confindustria, ha sempre chiesto "aiuti e indiretti allo Stato" e per questo il Pdl, pur avendo una posizione di apertura verso il mondo dell'imprenditoria, è critico verso l'associazione degli industriali. Lo ha ribadito Fabrizio Cicchitto, a margine del convegno 'I socialisti riformisti nel Pdl' a palazzo delle Stelline a Milano.

Ieri alla Camera, il capogruppo Pdl aveva detto che "una parte del mondo imprenditoriale, attraverso Confindustria, ci ha sempre inondato di richieste di assistenzialismo". Confindustria aveva subito risposto di non aver "mai chiesto sussidi".

"Noi - ha spiegato Cicchitto prima dell'inizio del convegno - abbiamo detto la nostra e Confindustria ha detto la sua, nel senso che c'è una parte del mondo industriale che i profitti li ha investiti in tecnologia e una parte invece li ha distribuiti e incorporati in dividendi e quindi è in ritardo sul terreno della produttività e della competitività".

Questa seconda tipologia di imprenditori "chiede aiuti diretti e indiretti allo Stato - aggiunge Cicchitto - e questa è una realtà che dura da tanti anni, che nessuno può negare e che si riflette anche nella ricerca economica che viene fatta sulla situazione del capitalismo italiano".

"E quindi quale posizione prendere? - si chiede Cicchitto - Vuol dire una posizione aperta nei confronti dell'industria, ma polemica talora nei confronti di Confindustria", come del resto l'associazione degli industriali, secondo Cicchitto, fa con con il Pdl.

All'iniziativa partecipano anche Margherita Boniver, Stefano Caldoro e Marco Milanese. Non interverrà invece il segretario Angelino Alfano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata