Foto Vincenzo Livieri - LaPresse 05-09-2018 - Roma Politica Mise. Tavolo sull'Ilva. Nella foto Photo Vincenzo Livieri - LaPresse 05-09-2018 - Roma Politica Mise. Meeting on Ilva steelplants. In the picture
Ilva, la prima bozza dell'accordo. Mittal assumerà 10.300 lavoratori

Trattativa al Mise. L'impegno dell'azienda anche su esuberi rimasti al 23 agosto 2023

Per l'Ilva "verrà formulata una proposta di assunzione a tempo indeterminato a 10.300 lavoratori". Lo si legge nella bozza del verbale di accordo presentata dall'azienda Mittal e che rappresenta un punto di partenza per la trattativa: il numero degli assunti a tempo indeterminato, infatti, si attesterebbe su 10.300 unità, di cui 10.100 entro il 31 dicembre 2018 e 200 entro il 31 dicembre 2021. Attualmente i dipendenti dell'Ilva sono complessivamente 13.500.

Quindi, circa 2.200 resterebbero nell'attuale Ilva. Arcelor Mittal sarebbe pronta ad assumere anche gli esuberi rimanenti nell'Ilva al 23 agosto 2023 cioè quelli che da oggi al 2023 non avranno trovato un altro lavoro o non saranno andati in pensione. Ecco il testo della bozza di accordo in merito a questo punto che era uno dei più delicati: "Qualora al momento dell'emissione del decreto di cessazione dell'esercizio dell'impresa della società Ilva (la cessazione dell'amministrazione straordinaria) - vi fossero ancora dei lavoratori alle dipendenze della società Ilva am investco formulerà ovvero farà sì che le affiliate formulino - si legge nel testo - alla cessazione dell'amministrazione straordinaria e in ogni caso non prima del 23 agosto 2023 - una proposta di assunzione ai termini e condizioni di cui al presente accordo a ciascun lavoratore che non abbia beneficiato di altre misure o opportunità previste dal presente accordo e non abbia già ricevuto una proposta di assunzione presso una affiliata e sia stato continuativamente alle dipendenze della società Ilva dalla data di sottoscrizione del contratto fino alla cessazione dell'amministrazione straordinaria". 

Secondo quanto si legge nella bozza di partenza presentata da Mittal, le organizzazioni sindacali firmatarie dell'accordo "riconoscono la rilevanza dell'impegno assunto da Am Investco e a tale riguardo, considerati anche la maggiore occupazione conseguibile e la comune finalità di preservare la competitività dei complessi aziendali, si impegnano a raggiungere in buona fede con Am Investco e le affiliate, a fronte delle assunzioni dei dipendenti residui, specifiche intese comprese riduzioni dell'orario di lavoro che consentano di assicurare costi del lavoro invariati".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata