Ilva, dal commissariamento al risiko con Di Maio: la cronistoria
Sei anni da incubo per la più grande acciaieria in Europa

Lo scandalo ambientale, il commissariamento e ora un risiko senza fine tra posti di lavoro in bilico e cavilli legali. Per l'Ilva, che rappresenta la più grande acciaieria in Europa,  questi ultimi sei anni sono stati un buco nero, con ricadute economiche e sociali (sono quasi 20mila i lavoratori coinvolti con l'indotto). Il 15 settembre terminerà la gestione straordinaria: al momento rischiano oltre 2.500 lavoratori, che non troverebbero spazio nell'ultimo piano di Arcelor Mittal. Ecco le tappe principali dalla vicenda Ilva dal 2012 ad oggi.

Il 26 luglio di sei anni fa, dopo indagini sull'operato della famiglia Riva che proseguivano da anni, il gip di Taranto Patrizia Todisco dispose il sequestro dell'acciaieria per gravi violazioni ambientali. Emilio Riva, il figlio Nicola Riva e l'ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso vennero arrestati con accuse pesantissime, che andavano dal disastro colposo all'inquinamento atmosferico. Con il decreto ministeriale del 21 gennaio 2015 si aprì la procedura di amministrazione straordinaria, con una triade di commissari composta da Piero Gnudi, Corrado Carrubba ed Enrico Laghi. L'obiettivo della gestione era risanare e trovare un acquirente.

Dopo una lunga ricerca e la pubblicazione del bando, nel giugno 2017 il colosso anglo-indiano Arcelor Mittal si è aggiudicata la gara pubblica per il controllo parziale dell'acciaieria. L'accordo è stato siglato con l'allora ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. In totale il piano di investimenti previsto è di 2,1 miliardi.

A fine giugno 2018 è stato prorogato di tre mesi il commissariamento, mentre a luglio il governo giallo-verde con il nuovo titolare del Mise Luigi Di Maio ha chiesto di fare luce sulla regolarità della gara prima ad Anac e poi all'Avvocatura di Stato. Ad agosto è stato reso noto che a fine settembre le casse dell'Ilva saranno vuote, mentre i calcoli per ottobre sono di perdite a -41 milioni, quindi -81 a novembre e di un 'rosso' di 132 a dicembre.


 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata