Il Sud riparte dall'agricoltura: occupazione giovanile +12,9%
Boom nel Meridione d'Italia stando al rapporto Ismea-Svimez

Stando al Rapporto Ismea-Svimez sull'agricoltura del Mezzogiorno, nella prima metà del 2016 l'occupazione giovanile è cresciuta dell'11,3% in Italia, e del 12,9% al Sud. Una crescita alla quale ha dato un decisivo contributo il lavoro a tempo pieno (+14,4%). Anche il peso dell'imprenditorialità giovanile agricola è in evidente crescita: quasi 20 mila imprese il saldo positivo al Sud nei primi mesi dell'anno scorso. Più in generale l'agricoltura al Sud è cresciuta del 7,3%, mentre al Centro-Nord si è registrato un +1,6%. Per quanto attiene all'export nel 2015 sono cresciuti del 15,5% i prodotti agricoli meridionali mentre il valore degli investimenti fissi lordi in agricoltura si è attestato su 2 miliardi e 217 milioni (+9,6% rispetto al 2014). L'agricoltura nel Mezzogiorno è orientata in prevalenza alle produzioni vegetali, molto meno alla zootecnia. Il Sud detiene, infatti, quasi la metà (46%) del valore della produzione vegetale produzione dell'area, la zootecnia il 16,4% e le attività di supporto il 15,2%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata