Guadagni superiori ai due punti percentuali per i listini europei
(Finanza.com) Il risultato delle elezioni britanniche e le indicazioni macro in arrivo dagli Stati Uniti spingono i listini europei nell'ultima seduta dell'ottava. Smentendo i sondaggi, le elezioni politiche che si sono svolte ieri Oltremanica hanno visto l'affermazione dei conservatori di David Cameron che grazie a 331 seggi su 650 potranno governare senza l'appoggio dei Liberaldemocratici. Per quanto riguarda i dati statunitensi, saldo delle buste paga che ad aprile si è riportato sopra quota 200 mila attestandosi a 223 mila unità e tasso di disoccupazione che è sceso dal 5,5 al 5,4 per cento, il livello minore dal maggio del 2008. Londra ha così chiuso in rialzo del 2,32% a 7.046,82 punti, il Dax è salito del 2,65% a 11.709,73, il Cac40 si è fermato a 5.090,39, +2,48%, e l'Ibex grazie a un +2,19% si è fermato a 11.424,7.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata