Grecia, Venizelos: Recessione peggiore di attese, Pil -5% nel 2011

Atene (Grecia), 2 set. (LaPresse/AP) - La Grecia è in una recessione più profonda di quanto inizialmente previsto, che causerà una contrazione dell'economia del 2011 di quasi il 5%. E' quanto dichiarato dal ministro delle Finanze greco, Evangelos Venizelos. Lo stesso ministro ha affermato che la sospensione dei controlli sulle riforme d'austerità della Grecia da parte degli ispettori internazionali, la cosiddetta Troika, non è stata causata da contrasti fra le parti, ma era già stata decisa in precedenza.


Fonte Ue: Troika in disaccordo con Atene
La pausa nelle trattative con la Grecia "non era prevista, ma è dovuta a disaccordi" tra la cosiddetta Troika, gli ispettori internazionali, e Atene, sulle misure di rientro dal deficit per il 2011 e il 2012. E' quanto si apprende da un funzionario dell'Unione europea, che ha preferito rimanere anonimo. In una dichiarazione ufficiale congiunta, Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale hanno spiegato che "la missione tornerà ad Atene alla metà di settembre". La Troika ha aggiunto che la Grecia deve completare il lavoro tecnico "relativo al bilancio 2012 e le riforme strutturali che rafforzino la crescita".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata