Grecia, Ue: Bene avanzo primario 2013. Ora possibile alleviare debito

Bruxelles (Belgio), 23 apr. (LaPresse/AP) - La Grecia ha raggiunto il suo obiettivo sull'avanzo primario "ben prima del target 2013". Lo ha affermato il portavoce del commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn, Simon O'Connor, sottolineando che il risultato di Atene rappresenta una pietra miliare negli sforzi per il consolidamento dei conti pubblici. O'Connor ha riferito che le entrate della Grecia hanno superato lo scorso anno la spesa, escluso il pagamento di interessi e altri oneri una tantum, di 1,5 miliardi di euro, o lo 0,8% del Pil ellenico. I creditori internazionali di Atene, rappresentati dalla troika (Ue, Bce e Fmi), avevano affermato che un avanzo primario della Grecia avrebbe dato al Paese il diritto di procedere ad un ulteriore sollievo del peso del debito. Le discussioni in merito tra governo e creditori dovrebbero concludersi nella seconda metà del 2014. Molti analisti si aspettano che l'eurozona possa abbassare i tassi di interesse che la Grecia paga sui prestiti ricevuti o che ad Atene possa essere concesso più tempo per onorare gli impegni con i creditori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata