Grecia, troika: Rischio che Paese non riesca ad abbassare debito

Berlino (Germania), 20 mar. (LaPresse/AP) - La troika, composta dai creditori internazionali della Grecia, vede "significativi rischi" che il Paese si riveli non in grado di abbassare il suo debito nelle cifre previste, il che significa che potrebbe avere bisogno di ulteriori prestiti. In un documento ottenuto oggi da Associated Press, i creditori affermano che il programma di misure di austerità e le riforme strutturali messi in atto da Atene "potrebbero essere soggetti a incidenti". "Le autorità potrebbero non essere in grado di implementare le riforme al ritmo previsto", dice il documento redatto dalla troika, formata da Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea. I greci ritengono di potere abbassare il debito al 116,5% del prodotto interno lordo entro il 2020, con l'obiettivo minimo fissato dai creditori al 120,5% entro lo stesso anno. In cima alle preoccupazioni c'è il fatto che le riforme siano troppo lente e che l'economia nazionale possa avere un futuro negativo. Il Paese affronta il quinto anno di recessione e ha bisogno di recuperare prima che un qualunque piano di riduzione del debito possa avere effetto. In generale, il rapporto della troika descrive il rischio che il debito venga ridotto solo al 145,5% del Pil entro il 2020, anche dopo avere tenuto in considerazione le perdite accettate dai creditori privati. "Gli stress test indicano una serie di punti sensibili, con il bilanciamento dei rischi che pende per lo più verso il basso", dice il rapporto, datato 11 marzo. "Una maggiore flessibilità nelle paghe potrebbe venire osteggiata dagli agenti economici; la liberalizzazione dei mercati di prodotti e servizi potrebbe continuare a essere ostacolato da poteri forti; le riforme del lavoro potrebbero rimanere bloccate da ritardi burocratici", si legge ancora nel rapporto. Ulteriori ritardi alle riforme potrebbero essere causati anche dalle elezioni che si terranno a fine aprile o inizio maggio. Il nuovo governo potrebbe anche decidere di cambiare i termini del programma di salvataggio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata