Grecia, sindacati rifiutano richiesta tagli salari in settore privato

Atene (Grecia), 3 feb. (LaPresse/AP) - I sindacati e le associazioni dei lavoratori greci hanno rifiutato la richiesta del governo su tagli dei salari nel settore privato, nonostante le pressioni dei creditori internazionali di Atene per l'introduzione di nuove misure di austerità. Tramite una lettera inviata direttamente al governo, associazioni di categoria e gruppi di dipendenti hanno annunciato di essere già in accordo per non ridurre la paga minima o gli stipendi annuali composti da 12 mensilità più tredicesima e quattordicesima. I costi dei salari sono un punto critico dei negoziati tra Atene e la cosiddetta troika (Banca centrale europea, Unione europea e Fondo monetario internazionale) per l'accordo sul nuovo prestito di salvataggio da 120 miliardi di euro. Senza il secondo pacchetto di aiuti e la successiva cancellazione del debito da parte delle banche, la Grecia andrà in bancarotta verso fine marzo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata