Grecia, S&P alza rating: Atene fuori da default selettivo

Atene (Grecia), 2 mag. (LaPresse/AP) - Standard & Poor's ha alzato il rating della Grecia da 'Sd' a 'Ccc'. Atene esce così dal default selettivo. L'agenzia di rating spiega che l'outlook a lungo termine è stabile in seguito al completamento dello swap del debito con i creditori privati, avvenuto lo scorso 25 aprile. L'accordo prevede un taglio del 75% del valore reale degli investimenti dei creditori per riuscire ad abbassare il debito greco dal 165% del Pil dell'anno scorso al 120% entro il 2020. S&P nota però che nonostante lo swap "abbia alleviato le pressioni sul finanziamento a breve termine" del debito, il peso di quest'ultimo rimane alto. In una nota, S&P spiega di aver mantenuto Atene al livello spazzatura a causa "delle prospettive di crescita economica incerte" e a un debole consenso popolare relativo alle riforme attuate dal governo greco. "Il consolidamento fiscale in corso è largamente dovuto all'aumento delle tasse e alle modalità di riscossioni migliorate, a un esteso programma di privatizzazione e agli ampi tagli alla spesa pubblica", prosegue l'agenzia. "Crediamo che questi cambiamenti - continua la nota - abbiano rischi di implementazione data la probabile contrazione futura del Pil per questo e il prossimo anno, che con alte probabilità risulterà in pressioni sociali persistenti". L'agenzia di rating fa poi riferimento alle elezioni di domenica prossima. "A nostro avviso - spiega - i cambiamenti saranno particolarmente impegnativi dopo le imminenti elezioni parlamentari del 6 maggio". S&P fa sapere infine che l'outlook su Atene è stabile grazie "all'impegno del governo per combattere l'evasione fiscale e attuare riforme fiscali reali, nonostante le sfide economiche e politiche".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata