Grecia, Rehn: Possibili accordi con privati su debito a maggioranza

Bruxelles (Belgio), 24 gen. (LaPresse/AP) - Costringere alcuni tra i creditori privati che si oppongono alla ristrutturazione del debito della Grecia sarebbe accettabile, se l'accordo sulla svalutazione fosse appoggiato dalla maggioranza di loro. È quanto sostiene il Commissario europeo agli Affari monetari, Olli Rehn. "Ciò è possibile nell'ambito del raggiungimento di un accordo volontario sul coinvolgimento del settore privato", ha detto Rehn, riferendosi alle cosiddette clausole di azione collettiva che la Grecia potrebbe inserire nei contratti sui vecchi bond per permettere una ratifica a maggioranza. Sinora la Commissione si era sempre dichiarata contraria a meccanismi che non prevedessero l'adesione a un'intesa con i creditori di Atene su base volontaria.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata