Governo pronto a nuovi incentivi per l'assunzione dei giovani
Spunta una norma nella legge di stabilità

Stando a quanto riporta 'La Repubblica', nella legge di stabilità potrebbe trovare posto una norma per spostare gli incentivi pieni del 2015 legati al Jobs Act, contributi zero per tre anni, sui neodiplomati e i neolaureati, con sconti specifici per il Sud e le categorie di lavoratori più svantaggiati. Con 50 milioni il primo anno a disposizione, l'obiettivo è unire l'alternanza scuola-lavoro, e l'apprendistato di alta formazione e ricerca, offrendo alle aziende che assumono entro sei mesi dal conseguimento del diploma o della laurea una decontribuzione piena per tre anni, fino a 8.060 euro l'anno.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata