Google, legale scrittori Usa: Società paghi autori libri digitalizzati

New York (New York, Usa), 4 dic. (LaPresse/AP) - Google dovrebbe pagare gli autori i cui libri vengono digitalizzati dalla società. Lo ha detto Paul Smith, un avvocato di Authors Guild, l'organizzazione professionale degli scrittori Usa, durante un'udienza che si è tenuta alla Corte d'appello di New York. Non ci sono prove, ha affermato Smith rivolgendosi a una commissione di tre giudici, che il progetto dell'azienda di Mountain View aiuti gli scrittori a vendere libri, ma ci sono molte prove secondo cui Google sta violando le leggi sul copyright.

La biblioteca digitale, ha risposto l'avvocato della società Seth Waxman, esiste per permettere ai lettori di trovare autori e libri, e "ha rivoluzionato il modo" in cui le persone lo fanno. L'Authors Guild ha fatto ricorso alla decisione di un giudice che aveva respinto le accuse degli scrittori e chiede che Google paghi 750 dollari per ciascuno dei 20 milioni di libri protetti dal diritto d'autore che sono stati già digitalizzati. Biblioteche in tutto il Paese e Google, ha affermato Waxman, si sono unite nel progetto per trasformare libri e permettere il loro utilizzo per scopi che non violano i diritti di copyright, offrendo ad esempio frammenti di testi online.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata