Google, accordo con ex banchiere Gb che fece causa per diffamazione

Londra (Regno Unito), 24 nov. (LaPresse/AP) - Google ha raggiunto un accordo con l'ex banchiere della Morgan Stanley Daniel Hegglin, che aveva fatto causa alla Big G per presunti post diffamatori fra i risultati di ricerca online che lo riguardavano. Lo ha annunciato Hugh Tomlinson, avvocato di Hegglin, affermando che le parti hanno trovato un accordo ma senza dare dettagli in merito. Il patteggiamento, ha detto, "include uno sforzo significativo da parte di Google di rimuovere i materiali offensivi". Hegglin si era rivolto all'Alta corte del Regno Unito per fare in modo che Google rimuovesse dai risultati delle ricerche i link che lo definivano un assassino, un pedofilo e un nazista. Antony White, avvocato di Google, ha detto che la compagnia simpatizza con Hegglin, vittima di una quantità "eccezionale" di abusi su internet.

Ha poi aggiunto che Google non è responsabile della regolamentazione dei contenuti di internet, ma che l'azienda "continuerà ad applicare le procedure sviluppate per assistere gli utenti con la rimozione dei contenuti che infrangono le leggi locali applicabili". Il caso di Hegglin è slegato dalla sentenza della Corte di giustizia europea sul diritto all'oblio, che permette alle persone in 32 Paesi europei di chiedere a Google di cancellare i materiali che minano la loro reputazione. Dalla sentenza di maggio, Google ha ricevuto 145mila richieste di rimozione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata