Gli italiani più ricchi per Forbes: vedova Ferrero e Del Vecchio
Maria Franca Fissolo al 30esimo posto, il patron di Luxottica 37esimo, Pessina 62esimo, Berlusconi 188esimo

La vedova Ferrero Maria Franca Fissolo, Leonardo Del Vecchio e Stefano Pessina: anche quest'anno, come già nel 2015, a rappresentare l'Italia nella lista delle 100 persone più ricche del mondo stilata da Forbes ci sono loro, con Massimiliana Landini Aleotti subito fuori dal gruppo di testa, al 101mo posto. La vedova di Michele Ferrero, che nella graduatoria compare in rappresentanza della famiglia piemontese, si posiziona al 30esimo posto, con un patrimonio di 22,1 miliardi di dollari, inferiore a quello rilevato l'anno precedente (23,4 miliardi), ma che le consente nel 2016 di risalire comunque due posizioni. In salita nella graduatoria anche il fondatore di Luxottica, che ha comunicato ieri di aver chiuso il 2015 con un record di utili e di vendite: il patron di Luxottica Del Vecchio risulta 37esimo con un patrimonio di 18,7 miliardi di dollari, mentre lo scorso anno era 40esimo con 20,4 miliardi. Stefano Pessina, tra i protagonisti del settore farmaceutico in veste di ceo di Walgreens Boots Alliance, migliora sia la propria posizione, piazzandosi 62esimo quando nel 2015 era 99esimo, sia il proprio patrimonio, salito da 12,1 a 13,4 miliardi di dollari. Non rientra nei primi 100, ma ci si avvicina di molto rispetto al 121esimo posto del 2015, Massimiliana Landini Aleotti, a capo a sua volta di un colosso farmaceutico, Menarini, e forte di un patrimonio di 10,1 miliardi di dollari. Restando nella top 200, fanno poi la loro comparsa, rispettivamente al 188esimo e al 196esimo posto, anche Silvio Berlusconi (con 6,2 miliardi di partimonio) e Giorgio Armani (con 6,1). Chiudono la classifica italiana Miuccia Prada, moglie dell'aretino Patrizio Bertelli armatore di Luna Rossa, che è 405esima con 4,1 miliardi di dollari, Diego Della Valle che è 1.105esimo con 1,8 miliardi di dollari, mentre Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono al 1.173esimo posto con 1,7 miliardi di dollari.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata