Generali: Utile I sem. stabile a 1 mld, +9.5% risultato operativo

Milano, 31 lug. (LaPresse) - Nel corso del semestre Generali ha raggiunto un risultato operativo che supera i 2,5 miliardi (+9,5% sul 2013). Il risultato operativo mostra una eccellente performance nel secondo trimestre con una crescita del 20,4% rispetto allo stesso periodo del 2013. L'utile netto raggiunge 1.075 milioni, stabile rispetto al primo semestre 2013 (1.081 milioni). Sul risultato influisce negativamente Bsi per 113 milioni. L'utile post imposte riferito alle attività correnti mostra una crescita del 12,5% trainato dallo sviluppo del risultato operativo. Il risultato non operativo si attesta a -653 milioni (-604 milioni nel 2013), l'andamento è stato determinato da maggiori profitti di realizzo che hanno parzialmente compensato le svalutazioni sugli investimenti registrate nel periodo.

Nel ramo vita, il risultato operativo registra un incremento a oltre 1,5 miliardi (+4,8%), grazie al contenimento delle spese e alla positiva gestione finanziaria. Nel ramo danni, il risultato operativo mostra una forte crescita a oltre 1 miliardo (+14,8%), grazie a un'ottima redditività tecnica. Nel segmento finanziario il risultato operativo cresce del 15,8% attestandosi a 226 milioni spinto dalla buona performance di Banca Generali (+31%). Nel corso del semestre l'attività di rafforzamento della solidità patrimoniale ha portato il Solvency I ratio a 162% (+21 p.p. da fine anno), con un'eccedenza pari a 11,2 miliardi. L'indice - su base pro forma - si attesta a 164% calcolando la vendita di Bsi e l'acquisizione del restante 24% di Gph. Generali ha così già superato, con più di un anno di anticipo, il target 2015 sul rafforzamento del capitale. Il patrimonio netto di gruppo si attesta a 22,1 miliardi (+11,9%) rispetto a 19,8 miliardi al 31 dicembre 2013, beneficiando sostanzialmente dei positivi risultati economici del periodo e del favorevole andamento dei mercati finanziari che hanno contribuito ad aumentare la riserva patrimoniale degli utili su attività finanziarie disponibili alla vendita.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata