Generali, morto a 87 anni ex presidente Antoine Bernheim

Parigi (Francia), 5 giu. (LaPresse) - L'uomo d'affari e banchiere francese, che è stato anche presidente di Generali, Antoine Bernheim, è morto oggi a Parigi all'età di 87 anni. Lo riferisce il sito online di Le Monde. A dare notizia al quotidiano della morte di uno degli uomini chiave del capitalismo finanziario francese degli ultimi cinquanta anni è stata la famiglia.

Nel cda del Leone di Trieste Bernheim è entrato nel 1973. Nel 1990 è stato nominato vicepresidente e dal 1995 al 1999 ha ricoperto la carica di presidente. Dopo due anni, nel 2001 è stato nuovamente nominato vicepresidente e nel 2002 rieletto alla presidenza. Dal 2010 il business man francese era presidente onorario di Assicurazioni Generali Spa dopo aver ceduto la carica di presidente a Cesare Geronzi per volontà del primo azionista Mediobanca.

L'ex presidente del Leone è stato banchiere di prestigio negli anni 1960-90 in Francia ed è stato tra i capitalisti più rappresentativi della galassia transalpina, accomulando una delle fortune più grandi del Paese come Bernard Arnault, François Pinault e Vincent Bolloré. Lo scorso aprile Bernheim aveva lasciato il cda di LVMH, un colosso della moda che aveva aiutato a costruire. Alla fine del 1980 aveva infatti assistito Arnault nell'operazione per prendere il controllo del gruppo che si sarebbe affermato tra i giganti del lusso mondiale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata