Fs punta espansione all'estero. Moretti: Alternative a me? Ben vengano

Milano, 25 mar. (LaPresse) - "Per guidare Fs, se ci sono alternative migliori a chi la guida ora, è bene che vengano". Così Mauro Moretti, a.d. della Ferrovie dello Stato, durante la presentazione del piano industriale 2014-2017, in merito alle remunerazioni dei manager. "Questo è uno dei lavori più duri, non stiamo a poltrire in ufficio - aggiunge Moretti - è una realtà così complessa, difficile e dura, che chi è venuto prima di me, uscendo da Fs ha detto che una realtà così non l'aveva mai vista. Non è una realtà facile, ci si mette in gioco per intero".

"NUOVE FRECCE PER CONQUISTARE L'ESTERO". Moretti, presentando il piano, sottolinea che "i nuovi Freccia1000 sono attesi tra 2015-2017, e pensiamo anche ai servizi internazionali. La competizione è aperta, i competitor sono aggressivi come in ogni altro settore". "Nel 2016 - evidenzia l'a.d. - avremo la certificazione, per far viaggiare i Freccia1000 a 350 km/h. E' qualcosa che in Europa non esiste, c'è solo in Giappone. I primi Freccia1000 saranno operativi nel 2015 in occasione dell'Expo, e viaggeranno a 300 km/h, in attesa della certificazione per andare più veloci. Entro il 2017 saranno 50 i Freccia1000 operativi, ci aspettiamo un aumento del traffico alta velocità del 14%".

"FARE L'A.D. NON E' UN GIOCO". "Nel 2006 nessuno voleva venire a fare l'a.d. delle Ferrovie dello Stato, lo si ricordi" e "questa è una storia di fatica, non di giochetti per prendere mezzo minuto di scena", spiega Moretti, in merito alle remunerazioni dei manager, rispondendo a Diego Della Valle, che domenica aveva attaccato il numero uno delle Fs. Dal 2006 "abbiamo fatto un drammatico risanamento, altrimenti saremmo falliti, come successo per altri gruppi di terra, acqua e aria", sottolinea l'a.d., che precisa ancora che "noi siamo un'impresa, e usiamo gli strumenti dell'impresa. Non possiamo fare altro, se ci sono altre scelte, quelle dipendono dal mondo politico".

"RENZI DOVRA' CONVINCERMI". "Aspetto la proposta di Renzi. La valuterò, toccherà a lui convincermi", risponde Moretti ai giornalisti che gli chiedono quale sarebbe la sua reazione se dal governo dovesse arrivare una proposta di riduzione del suo stipendio del 25%. "Aspetto la proposta - ribadisce - da quando ricopro questo ruolo ho ricevuto solo riduzioni di stipendio. All'inizio prendevo 1,1 milioni e chi mi ha preceduto ne prendeva anche 1,6. Non è un fatto personale, ma la leva retributiva è fondamentale nelle aziende che stanno sul mercato".

IN PIANO 9,5 MLD RICAVI AL 2017. Le Ferrovie dello Stato, stando al piano industriale 2014-2017, prevedono ricavi a 9,5 miliardi dagli 8,3 mld di fine 2013. L'Ebitda passerà dal 23,1% al 26,3%, l'Ebit dall'8,8% all'11,1% con investimenti sui treni di 1,63 miliardi per gli Etr1000 e 3 miliardi per il servizio universale. La posizione finanziaria netta salirà da 8.222 milioni a 8.818 milioni. L'ipotesi è che la quota di Fs nel trasporto ad alta velocità passi dall'81,8% all'83,8%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata