Fonsai, Unipol: Maxi polo efficace da 2013, utile a 880 mln nel 2015

Milano, 22 giu. (LaPresse) - L'obiettivo sull'utile netto consolidato per la nuova Ugf, che nascerà dopo l'eventuale integrazione con il gruppo Fonsai è di 880 milioni di euro nel 2015. E' quanto emerge dalle slide sul piano di fusione. Per quanto riguarda l'integrazione tra le quattro società Unipol, Fonsai, Premafin e Milano Assicurazioni, al 2015, la compagnia bolognese vede un utile netto consolidato di 821 milioni di euro. Unipol prevede inoltre di arrivare a 345 milioni di sinergie al 2015 dall'integrazione con il gruppo Fonsai: sai rami danni saranno di 122 milioni di euro, dalla riduzione dei costi 169 milioni, dalla produttività e da un miglioramento dell'asset allocation ammonteranno a 54 milioni di euro.

Il nuovo maxi polo sarà composto da due società quotate, Ugf e Unipol-Sai, e passerà dai 11,4 miliardi di euro di premi aggregati del 2011 ai 10,3 miliardi del 2015, per attuare le cessioni richieste dall'Antitrust e scendere almeno al 30% del mercato. La redditività è prevista in miglioramento con una combined ratio in calo dal 104,2% aggregato del 2011 al 93% nel 2015. Il risultato tecnico sarà positivo per 612 milioni rispetto al rosso di 699 milioni dell'anno scorso. I premi dovrebbero salire a 7,2 miliardi nel ramo vita. Secondo il piano di Unipol il patrimonio immobiliare dovrebbe calare dai 4,6 miliardi del 2011 ai 3,9 miliardi al 2015 con un taglio all'indebitamento da 4,1 a 3,3 miliardi. Il margine di solvibilità della nuova Ugf dovrebbe attestarsi al 169% nel 2015 (139% aggregato nel 2011), con quello di Unipol-Sai al 168% (128% nel 2011 e Solvency II al 184% nel 2015).

Sull'esenzione da parte della Consob dell'Opa a cascata su Milano Assicurazioni, ha detto l'ad di Unipol, Carlo Cimbri, "attendiamo il definitivo pronunciamento e confidiamo in un esito positivo". La tempistica indicata dal numero uno della compagnia bolognese prevede di realizzare le fusioni tra Unipol e le società della galassia Ligresti entro la fine del 2012 per permettere al nuovo maxi polo di essere operativo dal 2013.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata