Fitch taglia stime Pil globale, peggiorano Stati Uniti ed eurozona

Milano, 15 mar. (LaPresse) - Nel suo quarterly Global Economic Outlook (GEO) l'agenzia di rating Fitch prevede una crescita globale del 2,2% nel 2013 e del 2,8% nel 2014, in calo dal 2,4% e del 2,9% indicato nel precedente rapporto trimestrale. "Il recente miglioramento delle condizioni sui mercati finanziari - si legge nel nuovo outlook pubblicato oggi dall'agenzia di rating statunitense - non è stata accompagnata per il momento da un analogo miglioramento nell'economia reale con il quarto trimestre 2012 che ha visto la più debole crescita trimestrale del Pil della zona euro e gli Stati Uniti dalla recessione del 2009". La crescita prevista per le principali economie avanzate è di solo l'1% nel 2013, seguito da solo una modesta accelerazione e graduale a +1,9% nel 2014. Il Pil dell'eurozona si contrarrà dello 0,5% nel 2013 e tornerà a crescere dell'1% nel 2014. Rispetto alle precedenti stime di dicembre l'agenzia ha peggiorato le previsioni dello 0,4% per quest'anno e dello 0,2% per il prossimo. Fitch ha tagliato inoltre il Pil degli Stati Uniti al +1,9% nel 2013, ritoccando la stima in negativo di 0,4 punti percentuali, mentre ha lasciato invariata la previsione sul 2014 pari al +2,8%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata