Fiat: Recessi non superano 500 mln, via libera a Fca

Rimini, 30 ago. (LaPresse) - Fiat in merito alla fusione transfrontaliera per la creazione di Fiat Chrysler Automobiles informa che è prossima a concludere il processo di determinazione del numero di azioni per le quali il diritto di recesso è stato validamente esercitato dagli azionisti Fiat durante l'assemblea del 1 agosto, e lo comunicherà entro il 4 settembre. Sulla base delle comunicazioni e delle certificazioni ricevute, Fiat ha stabilito che il limite di 500 milioni di euro non è stato superato. Il Lingotto inoltre in una nota informa che "si sta preparando all'offerta obbligatoria di tali azioni agli altri azionisti Fiat al valore di liquidazione". Fiat ritiene che non sussista alcun rischio di pregiudizio per i creditori.

Il termine per la proposizione delle opposizioni dei creditori scadrà il 4 ottobre 2014 (60 giorni dalla data del deposito del verbale dell'Assemblea). Fiat ritiene che non sussista alcun rischio di pregiudizio per i creditori e non prevede di conseguenza che il processo per l'opposizione dei creditori impedisca il tempestivo completamento della Fusione intorno alla metà del mese di ottobre. Il pagamento per le azioni per cui sia stato validamente esercitato il diritto di recesso avverrà secondo quanto previsto dal codice civile italiano, che richiede che tali azioni siano offerte in prelazione agli azionisti Fiat al Valore di Liquidazione.

Successivamente, eventuali azioni non acquistate dagli azionisti Fiat potranno, a discrezione di Fiat, essere offerte al pubblico al Valore di Liquidazione. Qualsiasi offerta sarà depositata presso il registro delle imprese di Torino e comunicata secondo le disposizioni applicabili. Eventuali azioni non acquistate decorsi 180 giorni dalla data in cui l'esercizio il diritto di recesso è stato comunicato saranno, subordinatamente al verificarsi della Fusione, acquistate da FCA al Valore di Liquidazione e annullate. Qualsiasi pagamento agli azionisti che abbiano esercitato il diritto di recesso è subordinato al perfezionamento della Fusione e si prevede sarà effettuato dopo il perfezionamento della Fusione e dopo il completamento dell'offerta in prelazione e dell'offerta al pubblico delle azioni, in una data che sarà determinata da FCA secondo le disposizioni di legge applicabili e che non sarà posteriore al centottantesimo giorno sopra citato.

"Sono lieto di questo risultato. Attendiamo ora il completamento di questo progetto che è stato sul nostro tavolo sin dalla acquisizione della totalità del capitale di Chrysler. La quotazione sul NY darà il giusto rilievo all'importanza delle attività del gruppo sul mercato statunitense e renderà più efficienti le nostre attività di finanziamento". Così John Elkann, presidente di Fiat, ha commentato la notizia.

"Le recenti stravaganze dei mercati azionari e l'andamento delle azioni Fiat negli ultimi giorni - ha commentato l'a.d. Sergio Marchionne - hanno aggiunto a questo processo un grado di complessità inatteso e, a mio modo di vedere, ingiustificato. Mi rassicura il fatto che la stragrande maggioranza dei nostri azionisti abbia scelto di continuare nel proprio impegno di azionisti fedeli. La loro fiducia ed il loro sostegno al piano strategico che abbiamo delineato per i prossimi cinque anni hanno importanza decisiva in questo momento, in cui entriamo in una fase di realizzazione che migliorerà drasticamente il posizionamento di mercato del nostro Gruppo e dei nostri marchi". Intanto il titolo vola in Borsa aprendo a quota 7.67 euro, a +3,09%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata