Fiat, Cnh festeggia apertura secondo impianto in Turchia

Milano, 18 giu. (LaPresse) - TürkTraktör, la joint venture tra CNH Industrial e Koç Holding, ha celebrato l'apertura del suo secondo stabilimento produttivo, situato a Erenler nella regione di Sakarya. Il nuovo e moderno stabilimento, che si estende su una superficie totale di oltre 222.000 metri quadrati (di cui 68.000 coperti), incrementerà la capacità produttiva della joint venture fino a 50.000 trattori l'anno, destinati sia al mercato locale sia all'esportazione, permettendo così alla società di proseguire nel suo percorso di crescita. Il nuovo stabilimento è dotato di tecnologie produttive all'avanguardia e gestito secondo i principi e gli standard del World Class Manufacturing, la metodologia internazionale, già adottata da tutti i 62 siti produttivi di CNH Industrial nel mondo, che si basa sul miglioramento delle performance eliminando gli sprechi, migliorando sicurezza, efficienza e qualità e al contempo riducendo gli impatti ambientali dei processi produttivi.

Durante la cerimonia di apertura, che si è tenuta presso il nuovo stabilimento, Richard Tobin, Chief Executive Officer di CNH Industrial, e Mustafa V. Koç, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Koç Holding, hanno parlato dell'importanza di questo nuovo stabilimento per l'industria turca e del ruolo di rilevanza di TürkTraktör nel settore agricolo del Paese. All'evento hanno partecipato anche il Ministro della Scienza, Industria e Tecnologia turco, Fikri Iþýk, e il Ministro dell'Economia, Nihat Zeybekçi, oltre a rappresentanti dei media nazionali e giornalisti di settore.

Richard Tobin ha dichiarato: "Sono passati solo 15 mesi da quando, il 28 marzo 2013, abbiamo posato la prima pietra di questo nuovo stabilimento. Questa è una chiara dimostrazione del forte impegno profuso da tutte le parti coinvolte nel costruire un centro d'eccellenza per la produzione di trattori. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la dedizione e l'impegno di tutti". Mustafa Koç si è soffermato sull'importanza della joint venture per l'industria turca: "TürkTraktör è un produttore di rilievo in Turchia, il primo nel settore automotive del Paese. La produzione in loco di componentistica e accessori ha contribuito allo sviluppo dell'indotto industriale e ha creato un vantaggio competitivo per il Paese. Esportiamo in circa 130 paesi nel mondo e grazie a questo nuovo investimento non aumenteremo solo la capacità produttiva di trattori ma anche di trasmissioni e motori. Siamo fiduciosi che sarà una storia piena di successi, ad ulteriore conferma della nostra leadership nel settore". Attualmente TürkTraktör produce trattori, motori, trasmissioni, assali anteriori e posteriori, e gestisce la più importante rete di vendita in Turchia offrendo un'ampia gamma di trattori a marchio New Holland e Case IH.

Complessivamente, lo stabilimento di Erenler e quello di Ankara permetteranno a TürkTraktör di sfruttare appieno il potenziale del settore agricolo in Turchia, che è in continua crescita, e dei mercati internazionali. "Nel 1967 abbiamo scelto Koç Holding come partner strategico per la creazione della nostra joint venture qui in Turchia, dando vita ad un lungo e proficuo rapporto di collaborazione", ha aggiunto Richard Tobin. "Quest'anno raggiungeremo il traguardo dei 700.000 trattori prodotti e grazie all'impianto di Erenler il traguardo del milionesimo trattore è oggi ancora più vicino. TürkTraktor coniuga il know-how e la presenza globale di CNH Industrial nel settore agricolo con l'esperienza e la reputazione di Koç sul mercato turco. Siamo orgogliosi di proseguire il nostro cammino con il Gruppo Koç".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata