Fiat, ad aprile quota mercato Europa a 6,3%, pesa Italia

Torino, 17 mag. (LaPresse) - Nell'Europa dei 27 più le nazioni aderenti all'Efta ad aprile il mercato dell'auto registra 1 milione 81 mila immatricolazioni di auto nuove, l'1,8 per cento in più rispetto all'anno scorso. Il Gruppo Fiat, che continua a essere pesantemente penalizzato dal risultato negativo del mercato italiano, immatricola oltre 68mila vetture per una quota del 6,3 per cento, in crescita di 0,3 punti percentuali rispetto a marzo 2013. Il marchio Fiat cresce in tutti i principali mercati e i suoi modelli di punta si confermano leader nei loro segmenti. Lo rende noto Fiat in un comunicato stampa, in seguito alla diffusione dei dati dell'Acea sulle immatricolazioni di auto in Ue.

Nel progressivo annuo Fga Fiat immatricola più di 266mila vetture e ottiene una quota del 6,4 per cento, in calo di solo 0,1 punti percentuali in confronto allo stesso periodo dell'anno scorso. Aprile molto positivo per il Gruppo Fiat nel Regno Unito, dove i volumi di vendita aumentano del 10,3 per cento, e in Spagna, dove le immatricolazioni crescono dell'11,5 per cento e la quota aumenta di 0,1 punti percentuali attestandosi al 3,8 per cento. Il marchio Fiat ha immatricolato in Europa ad aprile oltre 52mila vetture, in lieve calo rispetto ad aprile 2012 che si era contraddistinto per una eccezionale performance causata dal recupero di immatricolazioni in conseguenza dello sciopero dei trasporti del marzo 2012. Significativi risultati sono stati ottenuti in Spagna (+30,4 per cento), Regno Unito (+20,3 per cento) e Francia (+14,5 per cento), dove si è registrato anche un incremento delle quote di mercato.

Nel primo quadrimestre del 2013, Fiat ha immatricolato più di 206 mila auto. La quota di mercato si è attestata al 4,9 per cento, 0,2 punti percentuali in più rispetto al pari periodo del 2012. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente il brand Fiat aumenta le immatricolazioni: nel Regno Unito del 15,1 per cento e un incremento di quota di mercato pari a 0,2 punti percentuali; in Spagna +8,5 per cento e +0,4 punti percentuali; e Francia +4,6 per cento le immatricolazioni e +0,4 punti percentuali di quota di mercato. Significativo risultato anche in Belgio dove, a fronte di un mercato in lieve crescita (+1,9 per cento), le immatricolazioni sono cresciute del 31,7 per cento attestandosi a circa 7 mila vendite con una quota incrementata di 0,7 punti percentuali.

Tra i modelli, continua la crescita della nuova Panda che, con un incremento del 63,9 per cento rispetto ad aprile 2012, consuntiva nel mese più di 13 mila immatricolazioni e una quota di mercato nel segmento pari al 12,5 per cento. Anche 500 aumenta le sue registrazioni, con una crescita del 19,5 per cento e quasi 15 mila vendite. Con circa 55 mila unità nel quadrimestre per ciascun modello, 500 e Panda si attestano ai vertici del segmento in Europa, in prima e seconda posizione nella classifica di vendita. La 500L continua raccogliere consensi: è leader indiscussa nella sua categoria in Italia, con quasi 2.500 immatricolazioni in aprile e una quota di mercato pari al 34,4 per cento. Con oltre 23 mila registrazioni nel quadrimestre in Europa, si pone al secondo posto nella classifica europea delle monovolume compatte, detenendo una quota di mercato del 15,9 per cento. Bene anche il Freemont che, oltre a crescere in Europa e a mantenersi tra le top ten del suo segmento, si conferma per il 22° mese consecutivo il SUV della sua categoria più venduto in Italia con il 27,6 per cento di quota del segmento. Lancia/Chrysler in aprile immatricola 7.600 vetture per una quota dello 0,7 per cento, 0,1 punti percentuali in più rispetto a marzo 2013. Nel primo quadrimestre dell'anno il marchio registra 27 mila vendite per una quota dello 0,6 per cento.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata