Fca, Marchionne: Assunzioni segnale positivo per il Paese. Jobs act? Ora abbiamo bisogno di assumere

Detroit (Michigan, Usa), 12 gen. (LaPresse) - Le nuove assunzioni di Melfi sono "un passo importante per noi e un segnale positivo per tutto il Paese". Lo ha detto l'a.d. Fca, Sergio Marchionne, in confernenza stampa al Salone dell'auto di Detroit. "In questo momento sitamo assumendo persone e questo sarà il più grande stabilimento che abbiamo in Italia", ha aggiunto.

"E' il momento sbagliato per parlare dell'effetto potenzialmente negativo del Jobs act, che in alcuni casi può essere utile per ristrutturare se c'è un calo del mercato. Ora stiamo assumendo perché ne abbiamo bisogno", ha proseguito Marchionne. "Di sicuro - ha aggiunto Marchionne - l'introduzione del Jobs act ha allineato, credo, quelli che sono dei metodi quasi universali nel mondo per l'utilizzo dei nostri dipendenti".

Anche senza Jobs act, ha precisato il manager italo-canadese, "noi quelle mille persone le avremmo assunte lo stesso perché abbiamo bisogno di gente che lavora e nessuno assume con l'obiettivo di licenziare". Per Marchionne le nuove assunzioni sono un evento "da festeggiare" e "una conferma della strategia che abbiamo adottato anni fa per qunto riguarda l'utilizzo degli stabilimenti". L'a.d. ha spiegato ancora che il nuovo personale sarà assunto "in modo interinale fino a quando il Jobs act non diventerà effettivo". In merito allo stabilimento lucano, Marchionne ha evidenziato che "la 500X non arriverà fino al secondo trimestre di quest'anno" negli Stati Uniti, ma "c'è una grandissima attesa nel mercato Nafta: una cosa positiva per lo sviluppo di Melfi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata