Al via l'iter per la fusione FCA - Peugeot: No a chiusure siti. Exor sarà primo socio
Al via l'iter per la fusione FCA - Peugeot: No a chiusure siti. Exor sarà primo socio

Il mandato dei rispettivi boards è per una 'piena integrazione'

  Il board di Fiat Chrysler Automobiles e Psa Peugeot approvano all'unanimità il mandato al management per una "piena aggregazione" dei gruppi, con una fusione alla pari 50-50, un'operazione che darebbe vita colosso da oltre 40 miliardi di euro di valore di mercato. Dalla fusione tra Fca e Psa, spiega un comunicato congiunto, sono attesi circa 3,7 miliardi di euro in sinergie annuali a breve termine che "non si basano su alcuna chiusura di stabilimenti" ma su "una più efficace allocazione delle risorse per gli investimenti di larga scala". Come anticipato, John Elkann sarà il presidente del gruppo post fusione, mentre il numero uno di Psa, Carlos Tavares, assumerà l'incarico di amministratore delegato con un mandato di 5 anni. Il consiglio della 'newco', inclusi i due top manager, sarà composto da 11 membri, 6 nominati da Psa e 5 dal gruppo italo-americano, con una maggioranza di indipendenti. Inoltre, la nuova holding a monte che nascerà dalla fusione tra Fca e Psa avrà sede in Olanda e sarà quotata a Parigi, Milano e Wall Street. I due gruppi garantiscono che il nuovo gigante dell'auto continuerà a mantenere "una importante presenza" nelle attuali sedi operative centrali in Francia, Italia e negli Stati Uniti.

 

Secondo l'a.d. Fca, Mike Manley, l'accordo "ha il potenziale di cambiare il settore" auto e di "creare un gruppo leader a livello mondiale", ma "resta ancora molto lavoro da fare". Infatti, dopo l'intesa raggiunta ieri e comunicata oggi, Fca e Psa dovranno portare a termine le discussioni per raggiungere nelle prossime settimane un memorandum of understanding vincolante per avviare di fatto il consolidamento che creerebbe il quarto costruttore automobilistico al mondo in termini di unità vendute (8,7 milioni di veicoli), con ricavi congiunti di quasi 170 miliardi di euro . I mercati, che hanno dimostrato fin dalle voci dei giorni scorsi di apprezzare l'intesa, riallineando i valori delle case auto in funzione della fusione paritetica. Fca balza di oltre l'8% a Piazza Affari, mentre Psa Peugeot cede circa il 12% euro. Nell'ambito della fusione, il gruppo guidato da Manley distribuirà ai propri azionisti un dividendo speciale di 5,5 miliardi di euro e la propria partecipazione in Comau. Inoltre, sempre prima del perfezionamento dell'operazione, Peugeot farà lo stesso per i propri azionisti con la quota del 46% nella componentistica di Faurecia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata