Ex Ilva, non confermati livelli produttività con chiusura altoforno 2
Ex Ilva, non confermati livelli produttività con chiusura altoforno 2

ArcelorMittal si impegna a gestire lo stabilimento di Taranto "in modo da assicurare, compatibilmente con i vincoli posti dalla decisione del tribunale di Taranto, il funzionamento e la continuità delle attività produttive"

Nell'accordo siglato questa mattina da l'a.d. di ArcelorMittal Italia, Lucia Morselli, e i commissari straordinari dell'ex Ilva, ci sarebbe una clausola cautelativa da parte del gruppo franco-indiano secondo cui, se fosse confermata la chiusura dell'altoforno 2, non sarà più possibile "mantenere i livelli di produttività indicati nell'udienza del 27 novembre scorso". Secondo quanto LaPresse ha appreso da fonti qualificate, ArcelorMittal si impegna a gestire lo stabilimento di Taranto "in modo da assicurare, compatibilmente con i vincoli posti dalla decisione del tribunale di Taranto, il funzionamento e la continuità delle attività produttive".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata