Eurogruppo: Via ad aiuti alla Spagna

Bruxelles (Belgio), 10 lug. (LaPresse/AP) - La Spagna potrà ricevere i primi 30 miliardi di euro di aiuti per la ricapitalizzazione delle banche entro la fine di questo mese. Lo ha annunciato il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, al termine della lunga riunione dei ministri delle Finanze dell'area euro che si è tenuta a Bruxelles. L'Eurogruppo ha anche raggiunto l'accordo per estendere di un anno, cioè fino al 2014, il tempo a disposizione della Spagna per riportare il deficit entro la soglia del 3%. La decisione dovrebbe essere approvata oggi dai 27 ministri delle Finanze dell'Unione europea, che si incontreranno per l'Ecofin.

Per gli aiuti al settore bancario ci saranno condizioni specifiche a seconda dei diversi istituti e la supervisione del sistema finanziario complessivamente sarà rafforzata, ha spiegato Juncker. "Siamo convinti che queste condizioni riusciranno a gestire la debolezza che rimane nel settore bancario spagnolo", ha aggiunto il presidente dell'Eurogruppo. L'accordo dovrebbe essere finalizzato presto, nella prossima riunione dell'Eurogruppo il 20 luglio. Il ministro delle Finanze olandese, Jan Kees de Jager, ha spiegato che "il totale degli aiuti sarà probabilmente di 100 miliardi di euro" e "alcuni Paesi come Olanda, Germania e Finlandia hanno bisogno dell'approvazione dei Parlamenti" nazionali. L'ammontare esatto del salvataggio non si saprà però probabilmente fino a settembre, quando le analisi sulle diverse banche spagnole saranno completate.

L'Eurogruppo ha inoltre riaffermato "un forte impegno a fare qualunque cosa sia necessaria per assicurare la stabilità finanziaria, in particolare attraverso l'uso flessibile ed efficiente degli strumenti esistenti, Efsf ed Esm, per gli Stati membri che rispettano le raccomandazioni" dell'Unione europea. È quanto si legge in una nota diffusa al termine dell'incontro, dove si è dunque confermato l'impegno per il cosiddetto scudo anti spread. A seguito di quanto deciso a questo proposito, prosegue la nota, Bce ed Efsf hanno firmato un accordo tecnico e un accordo simile sarà raggiunto presto anche con l'Esm.

Nell'Eurogruppo che si è concluso nella notte, secondo fonti di Bruxelles, è stato scelto l'economista tedesco Klaus Regling per guidare lo European Stability Mechanism (Esm), cioè il fondo europeo permanente. Regling, 61 anni, è attualmente a capo del fondo di salvataggio europeo temporaneo Efsf.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata