Eternit, oggi sentenza. Unico imputato il magnate svizzero Schmydheiny

Torino, 3 giu. (LaPresse) - E' iniziata poco dopo le 9 al palagiustizia di Torino l'ultima udienza del processo Eternit, il più grande al mondo mai celebrato per morti dovute all'amianto. Oggi, dalle 15 è attesa la sentenza del procedimento d'appello che sarà pronunciata dal presidente della corte Alberto Oggè. Dopo la morte, che risale ai giorni scorsi, dell'imputato Louis DeCartier DeMarchienne, l'unico imputato rimasto accusato di disastro è Stephan Schmydheiny, magnate svizzero che non si è mai presentato in aula. Le parti lese sono circa seimila, tra familiari di lavoratori morti per tumore o semplici cittadini che vivevano a Casale Monferrato (Alessandria) o a Cavagnolo (Torino), di Bagnoli (Napoli) e Rubiera (Reggio Emilia), le fabbriche in cui si lavorava la sostanza killer. Oggi in apertura dell'udienza il perito nominato dalla corte ha confermato - dopo accertamenti compiuti in collaborazione con la polizia internazionale - che l'imputato DeCartier è morto. Il legale del defunto, l'avvocato Cesare Zaccone, ha dichiarato che "l'estinzione del reato dovuta alla morte rimuove come la corte sa tutto quello che è accaduto finora. Ci rimettiamo alle decisioni della corte".

Si associa alla sua posizione la difesa della Etex, rappresentata dall'avvocato Luigi Fornari, secondo l'accusa l'erede della compagnia finanziaria Eternit, fino al '75 guidata da DeCartier. Con la morte dell'imputato, nessuna parte civile dovrebbe aver diritto a risarcimenti, a meno che - dopo il processo penale - non ci sia una causa civile. Il procuratore generale Raffaele Guariniello ha chiesto quindi la "condanna di un imputato, e il non doversi procedere per DeCartier, per morte del reo". "Speriamo che si realizzi il sogno, il sogno di una giustizia che funzioni", ha detto Guariniello a margine dell'udienza, in attesa della sentenza. Ad attendere il verdetto, ci saranno almeno 500 persone, che da Casale Monferrato si sono messe in viaggio da questa mattina su sette autobus.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata