Estate, Coldiretti: Vacanze a settembre per 4,9 mln italiani, +10%

Roma, 30 ago. (LaPresse) - Sono 4,9 milioni gli italiani in partenza per le vacanze quest'anno nel mese di settembre che è particolarmente apprezzato da quanti amano le vacanze all'insegna del relax e della tranquillità ma anche dai tanti italiani rimasti delusi a causa del maltempo di luglio e agosto. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè dalla quale si evidenzia un aumento del 10 per cento delle partenze rispetto allo scorso anno. Le ultime partenze degli italiani per le ferie sono spinte - sottolinea la Coldiretti - dalle offerte più convenienti per i viaggi, i soggiorni ed anche gli svaghi, ma anche dall'auspicio di migliori condizioni climatiche.

Con l'arrivo della bassa stagione si verifica una riduzione dei listini che - precisa Coldiretti - può superare il 30% e che risulta particolarmente appetibile in un momento di difficoltà economica. La ricerca del risparmio - continua Coldiretti - non è però la sola ragione poiché ad apprezzare il mese di settembre sono soprattutto gli amanti della tranquillità che vogliono cogliere l'ultimo scampolo dell'estate per riposarsi e tornare in forma alla routine quotidiana.

A settembre, anche se il mare resta protagonista, si registra infatti un aumento in percentuale - precisa la Coldiretti - del turismo legato alla natura in montagna, nei parchi e nelle campagne rispetto alle mete tradizionali. L'Italia può contare su ben 871 i parchi e aree protette presenti che coprono ben il 10% del territorio nazionale ma a spingere un numero maggiore di turisti verso la natura è anche la presenza in Italia della più grande varietà di percorsi turistici legati all'enogastronomia con oltre a più di ventimila agriturismi, quasi diecimila mercati, fattorie, cantine, malghe e frantoi degli agricoltori di Campagna Amica 'aperti al pubblico' per acquistare prodotti enogastronomici. Il successo del turismo ecologico e ambientale in Italia è determinato - sottolinea la Coldiretti - dai costi contenuti, dall'elevato valore educativo e dalla pluralità di mete disponibili senza dover percorrere grandi distanze.

Peraltro l'unica nota positiva di una estate pazza riguarda gli appassionati di funghi per i quali si prevede a settembre una stagione da record iniziata in anticipo e con ottimi riscontri negli oltre 10 milioni d boschi che ricoprono circa un terzo della superficie nazionale, dove - conclude la Coldiretti - si stima si realizzi una produzione di circa 30mila tonnellate.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata