Eni premiata come Exploration Company del 2015 dal Petroleum Economist

Milano, 18 set. (LaPresse) - Eni annuncia di aver vinto il Petroleum Economist Award, premio istituito nel 2006 dal prestigioso Petroleum Economist, come Exploration Company of the Year. Nel corso di una cerimonia tenutasi ieri sera a Londra, un panel di esperti indipendenti rappresentativi di tutti i settori del mondo dell'Energia, guidato dal segretario generale dell'Opec Abdalla Salem El-Badri, ha consegnato a Eni il premio riconoscendo alla società un approccio innovativo alle attività di esplorazione insieme a una capacità unica di perseguire gli interessi del proprio business con successo, spesso in ambienti sfidanti.

La nomina di migliore società al mondo nella ricerca di gas e petrolio arriva dopo i successi esplorativi di Eni. Il Cane a sei zampe negli ultimi 7 anni ha realizzato scoperte per oltre 10 miliardi di barili di risorse. In particolare, negli ultimi 3 anni, Eni ha raggiunto risultati record con 5 grandi scoperte, l'ultima delle quali nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo, con la scoperta del giacimento supergiant a gas di Zohr. Questa scoperta è la più grande mai effettuata in Egitto e nel mar Mediterraneo e può diventare una delle maggiori a livello mondiale.

L'esplorazione, sottolinea il comunicato, "si conferma per Eni un importante driver di crescita, con una strategia focalizzata su bacini con riserve certe (proven) situate vicino a giacimenti già sviluppati che permettono di completare velocemente la valutazione del potenziale minerario e sfruttare le sinergie per le successive attività di sviluppo e messa in produzione". Nel 2011 Eni ha effettuato la maggiore scoperta di gas naturale nella storia dalla società nell'Area 4 dell'offshore del Mozambico. Altre scoperte recenti sono state effettuate nei temi pre-sale del West Africa, in Congo, Gabon, Angola, Norvegia ed Ecuador.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata