Energia, Cgia: Niente sconti per 85% imprese italiane

Venezia, 21 giu. (LaPresse) - Lo sconto energetico rivolto alle Pmi non produrrà nessun beneficio per l'85 per cento delle imprese e dei lavoratori autonomi presenti in Italia. Lo calcola la Cgia di Mestre, che stima che in termini assoluti almeno 4 milioni di attività economiche non potranno beneficiare degli effetti del cosiddetto 'taglia-bollette' che, secondo gli obbiettivi del Governo, dovrebbe ridurre i costi energetici delle Pmi del 10 per cento.

"Il problema - afferma la Cgia - è noto a tutti: in Italia le piccole imprese pagano l'energia elettrica oltre il 68% in più della media europea. Solo Cipro registra una situazione peggiore della nostra. Il costo praticato nel nostro Paese è pari a circa 200 euro ogni 1.000 Kwh consumati. Solo Cipro ha una tariffa più elevata della nostra: 234 euro ogni 1.000 kwh consumati. Le piccole imprese italiane pagano il 61% in più delle grandi imprese: solo in Grecia (82,4%) si registra un differenziale più elevato del nostro".

"Alla luce di ciò - continua la Cgia -, il Governo ha deciso di abbassare la spesa elettrica dei soggetti collegati in media tensione e di quelli collegati in bassa tensione con una potenza impegnata superiore ai 16,5 kw. Secondo le stime del ministero dello Sviluppo economico, le imprese interessate da questo provvedimento in corso di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale sono 710mila. Peccato che al di sotto della soglia dei 16,5 kw operino almeno 4 milioni di imprese e di lavoratori autonomi che, pertanto, non godranno di nessun sconto".

"Sia chiaro - afferma il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi -, qualsiasi misura che abbassa le tasse o, come in questo caso, riduce i costi di produzione delle attività economiche va salutata con soddisfazione. Detto ciò, ricordo che il 95 per cento delle imprese presenti in Italia ha meno di 10 addetti e ben oltre il 70 per cento degli artigiani e dei commercianti lavora da solo. Appare evidente che buona parte di queste imprese e la stragrande maggioranza dei lavoratori autonomi operano con soglie di potenza impegnata ben inferiori ai 16,5 kw. Pertanto, non saranno sfiorati da questa scontistica".

Infatti, spiega Bertolussi, "al netto delle grandi imprese, delle attività che utilizzano utenze domestiche, delle imprese/lavoratori autonomi senza allacciamento e di altre situazioni non chiaramente definibili, l'85 per cento delle attività economiche del Paese non godrà di nessun beneficio dal taglio delle bollette elettriche. Speriamo che nelle misure aggiuntive che verranno approvate nei prossimi mesi il Governo disponga l'allargamento della platea dei beneficiati includendo anche le micro imprese".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata