Enel, Mef: Conclusa vendita 5,74% capitale, incassati 2,2 miliardi

Roma, 26 feb. (LaPresse) - Il Tesoro ha concluso l'operazione di vendita attraverso 'accelerated book building' del 5,74% di Enel incassando complessivamente circa 2,2 miliardi di euro. Lo riferisce il Ministero dell'Economia e delle Finanze. A seguito dell'operazione, la partecipazione detenuta dal Mef in Enel è scesa dal 31,24% al 25,50% circa del capitale sociale della società. La vendita era riservata a investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali esteri. BofA Merrill Lynch, Goldman Sachs International, Mediobanca - Banca di Credito Finanziario e Unicredit Corporate & Investment Banking hanno svolto il ruolo di joint bookrunners nell'ambito dell'operazione. Il regolamento della cessione avverrà il prossimo 2 marzo. Il Mef si è impegnato con i joint bookrunners a non vendere sul mercato ulteriori azioni Enel per un periodo di 180 giorni senza il consenso degli stessi joint bookrunners e salvo esenzioni, come da prassi di mercato. Equita Sim Spa e Clifford Chance hanno assistito il Tesoro rispettivamente in qualità di advisor finanziario e advisor legale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata