Draghi: Modello sociale europeo non è morto, riforme obbligate

Roma, 23 feb. (LaPresse) - La crisi ha mostrato che il vantato modello sociale europeo è tutt'altro che morto. E' quanto ha detto il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi in una intervista al Wall Street Journal spiegando però che la crisi, di cui "è difficile dire che è finita", sta costringendo i Paesi ad adottare le riforme strutturali del mercato del lavoro e di altri aspetti dell'economia che assicureranno la prosperità di lungo periodo dell'Europa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata