Draghi: In eurozona segni di prudente ottimismo

Tokyo (Giappone), 13 ott. (LaPresse/AP) - La situazione economica dell'eurozona "resta difficile, ma ci sono segni di prudente ottimismo". Così il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi a Tokyo per l'assemblea annuale del Fondo monetario internazionale. Tra i segnali positivi che ha citato, la resistenza delle banche europee e un miglioramento nella governance.

Il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, ha dichiarato in conferenza stampa che la crescita non deve essere sacrificata in nome dell'austerità, ma i Paesi devono bilanciare i propri tagli alla spesa per sostenere la creazione di posti di lavoro e la crescita futura.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata