Draghi contestato: scontri tra studenti e polizia. Presidente Bce: Riforme per crescita a lavoro

Roma, 12 nov. (LaPresse) - Scontri tra studenti e polizia davanti alla Scuola di Economia e studi aziendali 'Federico Caffè' dell'Università Roma Tre subito dopo l'intervento del presidente della Bce, Mario Draghi, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita di Caffè. "Via i banchieri dalle università", hanno intonato gli studenti per protestare contro Draghi.

Durante il suo discorso il presidente della Banca centrale europea ha sottolineato la necessità di riforme strutturali per garantire la crescita. "Una politica monetaria espansiva, una politica fiscale, che, nel rispetto delle regoli esistenti, veda maggiori investimenti e minori tasse - ha spiegato Draghi - non sono sufficienti a generare una ripresa della crescita forte e sostenibile senza le necessarie riforme strutturali dei mercati dei prodotti e del lavoro".

Draghi inoltre ha puntato il dito contro la disoccupazione che ha raggiunto un livello "inaccettabile" nell'eurozona. Il 23% dei giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni non ha un lavoro. Una situazione che "è contro ogni nozione di equità, è la più grande forma di spreco di risorse, è causa di deterioramento del capitale umano, incide sulle potenzialità delle economie diminuendone la crescita per gli anni a venire".

Sulle misure "che permettano ai lavoratori disoccupati di trovare rapidamente un nuovo posto di lavoro - ha proseguito Draghi - diminuendo la durata della disoccupazione, misure che permettano di innalzare il livello di specializzazione e di adattarne le caratteristiche alla domanda sono da tempo nell'agenda della politica economica di molti Paesi dell'euro, la riflessione faccia ora posto all'azione".

Passando alla politica monetaria messa in campo dalla Bce, il governatore della Banca centrale ha ribatido che "oggi tutti tassi di interesse di mercato attuali e attesi su qualunque orizzonte sono più bassi di quanto non siano mai stati e più bassi di quanto siano oggi negli Stati Uniti". Inoltre, "le azioni di politica monetaria - ha aggiunto - sono accompagnate dalla previsione di mantenere i tassi di interesse al livello attuale per un lungo periodo di tempo e di continuare nell'espansione del bilancio Bce".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata