Def, Upb: Privatizzazioni difficili, senza aumenti Iva debito a 135% nel 2022

Roma, 16 apr. (LaPresse) - "Il disavanzo a politiche invariate ed escludendo l'aumento dell'IVA previsto con le clausole di salvaguardia (23,1 miliardi nel 2020 e 28,8 miliardi a partire dal 2021), salirebbe in percentuale del PIL, dal 2,4 per cento nel 2019 (42 miliardi) al 3,4 per cento nel 2020, al 3,6 per cento nel 2021 e al 3,8 per cento (73 miliardi) nel 2022. In questo scenario ed escludendo inoltre i proventi attesi dalle privatizzazioni (di difficile realizzazione), il debito pubblico in rapporto al PIL continuerebbe a salire anche dopo il 2019 per arrivare sopra il 135 per cento nel 2022 dal 132,2 per cento del 2018. ". Così il presidente Upb Giuseppe Pisauro nel corso dell'audizione davanti alle commissioni Bilancio di camera e Senato sul Def.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata