Crisi, Eurostat: In eurozona cresce debito Grecia, limato in Italia

Bruxelles (Belgio), 6 feb. (LaPresse) - In leggero calo il debito pubblico complessivo dell'eurozona nel terzo trimestre 2011, anche se non si ferma la crescita di quello greco. Secondo i dati diffusi da Eurostat, il livello di indebitamento si attesta all'87,4% del Pil contro l'87,7% del trimestre precedente. Il debito pubblico dell'area della moneta unica è invece aumentato rispetto al periodo ottobre-dicembre del 2010, quando era all'83,2% del Pil. I più alti debiti al terzo trimestre 2011 sono quelli mostrati da Grecia (159,1% del Pil), Italia (119,6%), Portogallo (110,1%) e Irlanda (104,9%). Tra tutti i Paesi Ue, su base trimestrale i maggiori incrementi del debito sono stati registrati in Ungheria (+4,4%), Grecia (+4,4%) e Portogallo (+3,6%), mentre l'Italia, insieme con Malta, ha registrato la maggiore diminuzione (-1,6%). Su base annua sono schizzati in alto i debiti pubblici di Grecia (+20,3%), Portogallo (+18,9%) e Irlanda (+16,5%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata