Coronavirus, Visco: "Pil può crollare del 13%"

Il governatore di Bankitalia: "I poveri pagheranno un prezzo più caro"

Il coronavirus rischia di allargare ancora di più la forbice tra ricchi e poveri. Lo sostiene il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco. Nella relazione di via Nazionale si stima che il crollo del Pil italiano sarà come minimo del 9 per cento, ma potrebbe calare addirittura del 13 per cento. La crisi economica porterà a una riduzione del reddito che per il 20% di famiglie con redditi inferiori sarà "due volte più ampia di quella subita dalle famiglie appartenenti al quinto più elevato", ovvero al 20% che ha redditi maggiori.