Consiglio dei Ministri: via libera al Documento di Economia e Finanza
Consiglio dei Ministri: via libera al Documento di Economia e Finanza

Approvato scostamento di bilancio da 55 miliardi di euro

 Dopo quasi tre ore di riunione il Consiglio dei Ministri ha dato via libera al Documento di economia e finanza.  Il Coronavirus è stato un “cigno nero” per l'economia italiana, bloccandone la ripresa. E' quanto si legge nel Documento di economia e finanza approvato dal governo che restituisce una fotografia impietosa della situazione: se non fosse arrivata l'epidemia il Pil quest'anno sarebbe cresciuto dello 0,6%, invece sarà un 2020 con il segno meno: il Prodotto interno lordo segnerà -8%, ma se dovesse esserci una nuova ricaduta nella seconda metà dell'anno si potrebbe arrivare fino a -10,6%;  il debito schizzerà al 155,7%. L'indebitamento netto sarà pari al 10,4 per cento quest'anno, gli investimenti crolleranno del 12,3% con una forte contrazione dei flussi commerciali. Male anche sul versante lavoro: i redditi dei dipendenti scenderanno del 5,7%, mentre la disoccupazione salirà dal 10 al 11,6%.”È evidente che dopo uno shock quale quello subìto sinora, l’economia avrà bisogno di un congruo periodo di sostegno e rilancio durante il quale misure restrittive di politica fiscale sarebbero controproducenti”, avvisa il governo. Che ricorda di aver già messo in campo diversi interventi, come il decreto 'Cura Italia', ed è pronto a richiedere un nuovo scostamento di bilancio per 55 miliardi di euro, risorse che finiranno nel 'decreto Aprile'.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata