Confindustria, domani online il voto per il successore di Boccia
Confindustria, domani online il voto per il successore di Boccia

Si sfidano Carlo Bonomi e Licia Mattioli 

Carlo Bonomi contro Licia Mattioli: sia pure con modalità inedite, è tutto pronto per la sfida che decreterà chi, dei due aspiranti, sarà il successore di Vincenzo Boccia alla guida di Confindustria.

 Domattina, infatti, i 183 membri del Consiglio generale saranno chiamati a indicare uno dei due nomi: nessuna riunione, come da tradizione, all'Eur che ospita il quartier generale degli Industriali, visto che la pandemia impedisce gli assembramenti. Si voterà invece online dalle 10 alle 12.30, con una piattaforma certificata che a qualcuno, sorridendo, ricorda la Rousseau grillina, messa in piedi dalla Gisa, e testata nei giorni scorsi per assicurarsi sicurezza e funzionamento. Il responso, grazie alla modalità telematica, dovrebbe arrivare in tempi rapidi, già prima di pranzo. Il presidente designato avrà poi tempo fino al 30 aprile per comporre la squadra e presentare il suo programma; poi passerà al vaglio dell'assemblea privata dei delegati in calendario il 20 maggio. Al momento l'appuntamento, negli ultimi anni ospitato dall'Auditorium parco della musica di Roma, resta confermato. Ma possibili modalità di svolgimento in sicurezza sono già allo studio.

 Resta da vedere se il voto di domani riserverà sorprese. Già il comitato dei Saggi, durante le consultazioni, aveva evidenziato che la maggioranza era schierata a favore di Bonomi, attuale presidente di Assolombarda, tanto da aver provato ad arrivare all'appuntamento con le urne con un candidato unico, in nome di una simbolica unità degli Industriali in un momento particolarmente difficile per l'economia del Paese.  Mattioli, vicepresidente di Boccia ed ex leader degli Industriali di Torino, ha avuto venti giorni supplementari per cercare i capovolgere la situazione. L'esito verrà consegnato dalle urne digitali

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata