Confcommercio: Per imprese 2014 ancora crisi ma Renzi ce la farà

Roma, 19 mar. (LaPresse) - "Poche imprese (solo il 7,7%) ritengono che la crisi terminerà nel 2014, ma per due su tre il Governo Renzi riuscirà ad affrontare le priorità del paese, anche se non nei suoi primi 100 giorni; più della metà delle imprese (il 55,3%) ha, comunque, un elevato livello di fiducia nelle capacità di questo Governo ma solo una su quattro ritiene che resterà in carica fino alla fine della legislatura; e se, per le imprese, la riduzione della pressione fiscale, della burocrazia e del cuneo fiscale restano i tre interventi prioritari, si registra una diffusa fiducia sulla realizzazione di alcune riforme come il jobs act per quasi il 70% delle imprese, la riforma del fisco (63,5%) e quella della pubblica amministrazione (61%)". Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un'indagine di Confcommercio, in collaborazione con Format Ricerche, sul sentiment e le aspettative delle imprese nei confronti del governo Renzi.

Nel dettaglio Confcommecio fa sapere che la percentuale di imprese che ritengono che il 2014 andrà meglio rispetto al 2013, o che vedrà una situazione per lo meno invariata, è infatti pari a quasi il 60% (lo scorso anno la percentuale era poco sopra il 40%). L'aumento del livello di fiducia è stato rilevato in prevalenza presso le imprese di medie e grandi dimensioni, nell'industria e nei "servizi alle imprese" e nelle regioni del Nord Italia. L'ottimismo è più contenuto presso le imprese del commercio e delle costruzioni. Risulta comunque prossima allo zero la percentuale delle imprese che ritiene il nostro Paese già fuori dalla crisi, mentre è inferiore al 10% la percentuale delle imprese che "vedono" la fine della crisi nel corso del 2014.

Quanto alle azioni che il nuovo Governo dovrebbe svolgere in via prioritaria per ridurre i problemi più gravi che impattano sull'economia italiana, riferisce sempre Confcommercio, la più richiesta è la riduzione della pressione fiscale (82,9%), seguita da quelle della burocrazia (65,2%) e del cuneo fiscale (64,9%). Ottimismo sulla possibilità che il Governo Renzi realizzi le riforme del jobs act, della pubblica amministrazione e del fisco viene espresso dalla maggior parte delle imprese rilevate: il 66,9% ha fiducia nell'approvazione del cosiddetto jobs act (entro i primi cento giorni dell'Esecutivo secondo il 18,2% degli intervistati e più avanti nel tempo per il 48,7%), il 63,5% si attende la riforma del fisco (entro i primi cento giorni per il 13,2%), il 61,1% si aspetta la riforma della Pubblica Amministrazione (il 12,4% entro i primi cento giorni). L'idea che il governo riuscirà nei suoi intenti prevale presso le imprese dell'industria e delle costruzioni, nelle Pmi (imprese tra i 10 ed i 249 addetti) e nelle grandi imprese, nel Nord-Ovest e nel Centro Italia. Meno fiduciose si sono rivelate le imprese del terziario (commercio, turismo e servizi), le microimprese (1-9 addetti) e quelle attive nel Nord-Est e nel Mezzogiorno.

In generale due imprese su tre ritengono che il Governo Renzi riuscirà comunque ad affrontare le priorità del paese: nel dettaglio l'8,9% ritiene che ce la farà nei primi cento giorni ed il 57,6% durante il resto del proprio mandato. Il 55,3% delle imprese ha un livello di fiducia "molto" o "abbastanza" elevato nella capacità del Governo Renzi, con un dettaglio settoriale e territoriale che rispecchia esattamente le opinioni sulla capacità di approvare le riforme già citate. Ciò nonostante, solo il 24,6% delle imprese pensa che il Governo resterà in carica fino alla fine della legislatura. Il 32,3% ritiene che durerà più di un anno, ma non fino al 2018, mentre per il 22,4% resterà in carica al massimo un anno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata